Capitolo 273

Winter is coming. Ma non così in fretta, anche se questo antipasto a base di pioggia torrenziale è un’ottima scusa per restare al caldo e all’asciutto per vedere e rivedere film. Riprendiamo le sani abitudini, che non fanno mai male. In questo capitolo quasi 6 film (vi spiegherò perché quasi) e il rewatch di una trilogia che porto nel cuore, nello stomaco, nella testa e in molte altre parti del corpo (no, quelle no). Spoilerone: ho finito Friends. Leggere per credere.

Continua a leggere
Annunci

Capitolo 272

La mezzanotte è scoccata da pochi secondi e ho appena compiuto 38 anni. Non è una grande cosa, ma trovo divertente che arrivi il mio compleanno e io mi trovi qui a scrivere di cinema. Deve pur significare qualcosa. Al di là di questo, ultimo capitolo prima della Festa del Cinema, ovvero di quei miei dieci giorni all’anno in cui il mondo si ferma e l’Auditorium diventa il centro dell’universo. Ma di questo parleremo da domani. Torniamo a noi, a me, alla vita (da cinefilo).

Continua a leggere

Capitolo 271

Finalmente è arrivata la mia stagione preferita: l’autunno. Oggi mi arriva anche il divano per la casa nuova e la squadra divano/autunno/film sarà finalmente pronta per scendere in campo. Nel frattempo, come vi dicevo, mi sto liberando della mia collezione di dvd per passare o al blu ray o direttamente al noleggio online, per questione di spazio e di qualità. Più di 200 dvd da portare a vendere al mercatino dell’usato. Ieri li stavo tirando fuori dalle scatole e ho cominciato a ricordare dove mi trovavo e in che occasione ho comprato gran parte dei film che possiedo: il cofanetto de “La Storia Infinita” comprato la prima volta che sono stato a Napoli o il dvd di “Fino all’ultimo respiro” che trovai su una bancarella di Parigi, per fare un esempio. Toccare quei cofanetti con mano è stato un bel viaggio nel passato. Ad ogni modo, no regrets!

Continua a leggere

Capitolo 270

Casa nuova, vita vecchia: questo che state leggendo è il primo capitolo della mia vita da cinefilo scritto nella mia nuova dimora, ancora mezza vuota e invasa da pacchi e scatoloni, con la connessione internet del cellulare in attesa dell’allaccio, ma pronta ad una svolta epocale: per evitare di traslocare quattro pacchi pieni di dvd e per migliorare sensibilmente la qualità della visione, ho deciso che, lentamente e con 130 anni di ritardo, comincerò a trasformare la collezione di dvd in una collezione di blu ray. Ci vorranno pazienza e dedizione (e molti mercatini dell’usato), ma presto o tardi avrò la mia nuova collezione di film. Vi terrò aggiornati.

Continua a leggere

Capitolo 269

Da che mondo è mondo, l’inizio del Festival di Venezia ma soprattutto quello del campionato di calcio segnano definitivamente l’inizio di una nuova annata, qualunque sia la data. L’estate tramonta malinconicamente alle nostre spalle mentre ci prepariamo ad altri dodici mesi di film, serie tv e tutto quanto. Avete ricaricato le batterie? Siete pronti per una nuova stagione? Io vi rispondo appena finisco il trasloco. Buon 2019/2020 a tutti voi!

Continua a leggere

Capitolo 268

In teoria notte di San Lorenzo, stelle cadenti, desideri. In pratica 40 gradi, città deserta, cinema e serie tv. Da che mondo è mondo agosto è il mese peggiore dell’anno, quest’anno è ancora peggio del solito, soprattutto quando ti sei fatto le vacanze a luglio e ora devi muoverti per Roma neanche fossi il protagonista di “28 giorni dopo” o Will Smith in “Io sono leggenda”. Se stasera dovessi vedere una stella cadente, le chiederò di far arrivare la fine del mese più velocemente possibile.

Continua a leggere

Capitolo 267

Sono tornato a Roma già da poche ore, immerso nella malinconia per una vacanza ormai conclusa: mi muovo con passi incerti tra balle di fieno che rotolano sulla via Trionfale e quella sensazione di vuoto che ogni anno fa somigliare questa città al set di “28 giorni dopo”, almeno così sembra in alcuni momenti. Penso a come riuscirò ad elevare l’Inferno di questo agosto romano in un modesto Purgatorio e già sono all’opera per controllare gli orari dei cinema, le arene estive e tutto ciò che serve a trasformare il nulla in qualcosa di bello. Sarà difficile, soprattutto dopo un mese in Paradiso, ma ci proverò.

Continua a leggere

Capitolo 266

Più di un mese è passato dall’ultimo capitolo di “Una vita da cinefilo” e tantissime cose sono cambiate: Totti non è più alla Roma, ho traslocato, è cominciata l’estate, sono uscite le nuove stagioni di due delle mie serie tv preferite, sono stato in Grecia per lavoro e ora sono nella mia residenza pugliese, in quella che potremmo definire vacanza (ma con il mio lavoro non posso mai chiamarla davvero vacanza: c’è sempre qualche email da inviare, qualche cosa da aggiornare, qualche immagine a cui lavorare…). Per tutti o quasi tutti questi motivi il tempo per vedere film è stato davvero poco, soltanto cinque film nell’ultimo mese. Ma si sa, è estate, il periodo in cui il tempo è una questione relativa, in cui le ore si dilatano e si restringono a seconda dell’umore, della giornata, del calciomercato e di tantissimi altri fattori. Che la passiate lavorando o in relax, buona estate a tutti voi e a tutte voi.

Continua a leggere

Capitolo 265

Appena rientrato da una settimana a Chicago e, come promesso, eccovi il capitolo sui film visti in aereo (e non solo) durante questa trasferta. Si è trattato di un viaggio molto cinefilo visto che la gran parte delle mie sortite fotografiche quotidiane si è basata sulle location cinematografiche di alcuni dei miei film del cuore: da “Gli intoccabili” a “Alta Fedeltà”, fino ai “Blues Brothers”. Appena sistemo le foto scrivo magari un bel pezzo sulla Chicago cinematografica che ho attraversato, riconosciuto e a tratti amato nei giorni scorsi. Ma ora è il momento di allacciare le cinture, spegnere i dispositivi elettronici e leggere dei film visti in aereo…

Continua a leggere

Capitolo 264

Ci siamo lasciati per strada la primavera: è arrivata improvvisamente l’estate e finalmente possiamo sfoderare le nostre migliori magliette a maniche corte: era già da un po’ che quelle di Star Wars e quella di Game of Thrones prendevano polvere nel cassetto ed è dunque arrivato il momento di dire una cosa al Dio del Freddo: “Not today”. Capitolo ristrettissimo stavolta, giusto per lasciarvi un saluto prima della mia partenza per Chicago (per motivi di lavoro, ma questa è un’altra storia). Ci si rivede la prossima settimana, con un probabilissimo capitolo dedicato ai film che avrò visto durante il viaggio in aereo. A presto, amici cinefili e amiche cinefile!

Continua a leggere