Recensione “Amour” (2012)

Dopo la vittoria a Cannes con il magnifico “Il nastro bianco”, Michael Haneke bissa con “Amour”, molto sottotono rispetto al film precedente, ma poggiato interamente sulle spalle di due mostri sacri, capaci di un’interpretazione fuori dell’ordinario: Jean-Luis Trintignant ed Emmanuelle Riva. Chi si accontenta di loro due, godrà, anche perché il film in sé è…