Recensione “I Miserabili” (“Les Miserables”, 2019)

Premio della Giuria all’ultimo Festival di Cannes e una banlieu parigina mai così vivida dai tempi del cult “L’Odio”. Ma se nello splendido film di Kassovitz le vicende erano mostrate attraverso gli occhi di tre ragazzi di strada, nel bellissimo film di Ladj Ly la macchina da presa pedina continuamente tre agenti della cosiddetta BAC,…

Recensione “A casa nostra” (“Chez nous”, 2017)

Con le elezioni presidenziali alle porte, Lucas Belvaux, già apprezzatissimo per il suo ultimo film “Sarà il mio tipo?”, racconta la storia di una Francia attuale come non mai, dove il populismo dilagante e l’odio razziale sono gli aspetti più pericolosi da combattere, soprattutto in piccole realtà locali come quella raccontata nel film, ambientato nel…

Recensione “Magic in the Moonlight” (2014)

La vera magia di Woody Allen sta nel fatto che passano gli anni, cambiano i volti, ma la coerenza del suo cinema non ha cedimenti: si tratti di Owen Wilson, Larry David o, come in questo caso, di Colin Firth, le parole che ascoltiamo uscir fuori dai loro personaggi sono Woody Allen allo stato puro….

Posterabilia #1: Jules e Jim

Inauguriamo oggi  un nuovo spazio dedicato alle locandine e ai poster dei grandi classici del cinema. Apriamo questa nuova rubrica con uno dei film più amati dagli appassionati di cinema di tutto il mondo, “Jules e Jim” di François Truffaut, di cui molti cinefili probabilmente posseggono un poster appeso in camera (compreso chi scrive, e…

Recensione “Mariage à Mendoza” (2012)

Nel 2009 il regista Edouard Deluc realizza il divertentissimo cortometraggio “Donde està Kim Basinger?”, in cui due fratelli francesi si ritrovano in Argentina per il matrimonio del cugino. Il successo di questo cortometraggio (vincitore di vari festival in giro per il mondo) apre a Deluc le porte del cinema: “Mariage à Mendoza” è il suo…

Recensione “Molière in bicicletta” (“Alceste à bicyclette”, 2013)

Basta un film così, una commedia agrodolce, un eccellente trio di interpreti, un bel soggetto e poco altro per confermare ancora una volta la superiorità del cinema francese all’interno del panorama cinematografico europeo. Philippe Le Guay, che già ci aveva divertito con il pregevole “Le donne del 6° piano”, scomoda addirittura Molière per realizzare un…

Recensione “Il passato” (“Le passé”, 2013)

Dopo aver vinto praticamente tutto con il precedente “Una separazione”, Asghar Farhadi torna a trattare il tema del rapporto di coppia inserendo i suoi protagonisti in una Parigi lontana da ogni cliché. Forse è vero che il passato è una storia che ci raccontiamo, fatto sta che il passato raccontato dal regista iraniano è un…

Recensione “Paulette” (2013)

Ispirato da una storia vera, e con un occhio alle commedie italiane del dopoguerra e al cinema sociale e leggero di Ken Loach, il regista e sceneggiatore francese Jerome Enrico ha realizzato una favola moderna, piena di humour ma al tempo stesso con una sottile vena di denuncia. Oltre un milione di spettatori in Francia…