Capitolo 264

Ci siamo lasciati per strada la primavera: è arrivata improvvisamente l’estate e finalmente possiamo sfoderare le nostre migliori magliette a maniche corte: era già da un po’ che quelle di Star Wars e quella di Game of Thrones prendevano polvere nel cassetto ed è dunque arrivato il momento di dire una cosa al Dio del…

Recensione “Nebraska” (2013)

Alexander Payne è uno dei registi più amati della Nuova Hollywood: ironico e malinconico, divertente anche nell’amarezza, autore di piccoli grandi capolavori come “A proposito di Schmidt”, “Sideways” e “Paradiso amaro”. Dopo due premi Oscar per la sceneggiatura e tanti chilometri percorsi assieme ai suoi personaggi, il regista di origine greca ci porta questa volta…

Recensione “M il mostro di Dusseldorf” (“M”, 1931)

L’alfabeto dei serial killer cinematografici, a differenza di ogni normale convenzione, comincia dalla lettera M, una lettera che basta da sola ad evocare cinema, arte, espressionismo tedesco ed il fischio inquietante di un assassino di bambini. M, come il meraviglioso film di Fritz Lang del 1931, girato quattro anni dopo un altro capolavoro dello stesso…