Oscar 2017 – La diretta

23.49 – Appena tornato a casa dopo una gran serata di calcio. Datemi il tempo di un piatto di pasta e apriamo le danze. Sarà una lunga notte di cinema, birra e taralli.

0.12 – Per chi, come me, non avesse il televisore, la diretta della notte si può seguire in streaming sul sito di La8, ovvero qui: http://tv8.it/streaming.html

0.19 – Non c’è Natalie Portman ma c’è Diletta Leotta. Accontentamose.

0.25 – Vi ricordo che potete seguire la cerimonia con me anche su Twitter. Oppure F5 a manetta su questo post.

0.34 – Io mi schiero subito: tifo La La Land e Manchester By The Sea. Se questi due film vincono tutto andrò a dormire contento.

0.48 – Altro che La La Land o Moonlight. Il grande dubbio adesso è: birra o caffè?

1.04 – Tenete Andrew Garfield lontano dal Giappone per favore.

1.13 – Dev Patel sta tutto il film con un cappuccio in testa a spizzare Google Maps. E ha preso una nomination agli Oscar. Boh.

1.21 – Fermi tutti. Ci sta Marty McFly!
michael-j-fox

1.24 – Non ho amato Moonlight ma Mahershala Ali è grandioso.

1.39 – Arrivata Emma Stone. Daje.
emmastone

1.55 – Domanda a Casey Affleck: “Perché i film girati nella zona di Boston piacciono così tanto?”. Ah, io pensavo fosse una cosa solo mia, adoro i film girati in Massachusetts. Quindi è una cosa comune. Curioso.

2.03 – Nicole Kidman sembra l’aliena di Mars Attacks.
marsattacks

Continua a leggere

Inarritu in volo sugli Oscar: il miglior film è “Birdman”

Anche questa nottata è passata. Al risveglio ci resta negli occhi appesantiti dal sonno l’immagine sorridente di Alejandro Gonzalez Inarritu, dominatore assoluto della serata con quattro premi Oscar “pesanti”. Ci resta anche negli occhi Patricia Arquette e il suo discorso a favore delle donne (che ha scatenato l’entusiasmo di Meryl Streep), l’annuncio della meravigliosa Jessica Chastain per il secondo Oscar consecutivo al geniale direttore della fotografia Emmanuel Lubezki (“Chiiivooo”), la standing ovation per la performance di John Legend sulle note di “Glory” (miglior canzone, unico Oscar per “Selma”). Purtroppo al risveglio ci siamo ritrovati anche a fare i conti con la delusione per la netta disfatta di “Boyhood”. Ad ogni modo l’87a edizione degli Accademy Awards, a livello di show, non sarà tra le più memorabili: la conduzione di Neil Patrick Harris, nonostante una bellissima introduzione, è risultata decisamente piatta e sottotono. Non si è riso molto, quasi per niente anzi, inoltre il ritmo non è stato proprio esaltante (“Not my tempo!”, direbbe il Fletcher di J.K. Simmons in “Whiplash”). Certo, cogliere un momento storico come il selfie di un anno fa era probabilmente impensabile, ma certamente ci si poteva aspettare qualche gag in più. Parliamo dunque dei premi attraverso i film che li hanno ricevuti:

Birdman: Come già detto quattro Oscar per il film di Inarritu, tutti Oscar importanti (miglior film, miglior regia, migliore fotografia e miglior sceneggiatura originale). Secondo consecutivo per il genio di Emmanuel Lubezki dunque, ma anche il secondo consecutivo per un regista messicano (dopo la statuetta di un anno fa ad Alfonso Cuaron). Quello al quale tenevamo di più, ovvero il premio a Michael Keaton, è però sfumato a favore di Eddie Redmayne (“La teoria del tutto”).

Boyhood: Il capolavoro di Richard Linklater porta a casa solo una statuetta per la migliore attrice non protagonista (Patricia Arquette). Erano sei le nomination ricevute dal film, ma se quella per Ethan Hawke (e probabilmente anche quella per il montaggio) non aveva speranze di trasformarsi in Oscar, quelle per regia, sceneggiatura originale e miglior film erano nettamente alla sua portata. Hawke e Linklater dunque restano a mani vuote per il secondo anno consecutivo (un anno fa portarono a casa la nomination per la sceneggiatura di “Before Midnight”). Il regista potrà comunque consolarsi con l’Orso d’Argento vinto a Berlino e i vari Golden Globes.

The Grand Budapest Hotel: L’Accademy ha deciso di consacrare Wes Anderson. Più che il regista stesso, sono stati consacrati coloro che hanno contribuito a creare l’universo di Anderson, il suo mondo, coloro insomma che con il loro apporto hanno letteralmente dato forma alla creatività del regista. Quattro Oscar dunque: miglior trucco e acconciatura, migliori costumi (l’italiana Milena Canonero, al suo quarto Oscar), migliore scenografia e miglior colonna sonora (finalmente Alexandre Desplat, giunto all’ottava nomination, vince il suo primo Oscar).

Whiplash: La grande sorpresa di questa nottata, il vero e proprio outsider, capace di portarsi a casa ben tre statuette, tutte assolutamente meritate: miglior montaggio, miglior sonoro e miglior attore non protagonista a J.K. Simmons, straordinario.

Ida: Il premio per il miglior film straniero resta in Europa, ad aggiudicarselo è la stupenda pellicola polacca realizzata da Pawel Pawlikowski. Nonostante l’assenza ingiustificata del canadese “Mommy” e del turco “Winter Sleep” nella cinquina da Oscar (dove invece ha incredibilmente trovato spazio l’argentino “Storie pazzesche”), “Ida”, nominato anche per la miglior fotografia, ha meritato ampiamente la statuetta. Applausi.

Altri premi: I migliori attori protagonisti sono Eddie Redmayne (“La teoria del tutto”) e la strepitosa Julianne Moore di “Still Alice”: entrambi premi meritatissimi, nonostante sperassimo di veder salire sul palco il grande Michael Keaton di “Birdman” e la commovente Marion Cotillard di “Due giorni, una notte”. La sceneggiatura non originale regala a “The Imitation Game” il suo unico Oscar (che per noi avrebbe dovuto vincere “Whiplash” o addirittura Paul Thomas Anderson per “Vizio di forma”). Per il miglior film d’animazione “Big Hero 6”  la spunta su “Dragon Trainer 2”, mentre c’è un pizzico di gloria anche per “Interstellar”, “American Sniper” e “Selma”, vincitori rispettivamente di un Oscar per i migliori effetti speciali, il miglior montaggio sonoro e la migliore canzone.

Comincia la corsa agli Oscar 2014: previsioni e voci di corridoio

Mancano due mesi alle nomination ufficiali (verranno annunciate il 16 gennaio) e tre mesi e mezzo alla cerimonia degli Oscar (che si svolgerà il 2 marzo): manca ancora molto, ma la corsa alla statuetta è già cominciata. A darsi battaglia per il premio cinematografico più ambito avremo grandissimi film e straordinari attori: andiamo a vedere, per quanto riguarda le categorie principali, le possibili nomination.

Miglior film: Per il momento si parla di una lotta a due tra “Gravity” di Alfonso Cuaron e “12 years a slave” di Steve McQueen. I possibili outsider sono i due film con Tom Hanks (“Captain Phillips” e “Saving Mr. Banks”), e i due film importanti che devono ancora uscire negli Stati Uniti, ovvero “American Hustle” di David O. Russell e soprattutto “The Wolf of Wall Street” di Martin Scorsese. Tra i dieci candidati rientrerà quasi sicuramente anche questo splendido quartetto: “Nebraska” di Alexander Payne, “Her” di Spike Jonze, “Inside Llewyn Davis” dei Coen, “Blue Jasmine” di Woody Allen. Poche chance di vedere il capolavoro di Kechiche “La vita di Adele” e il bellissimo film di Vallée “Dallas Buyers Club”.

Miglior regia: Anche qui sembra che la statuetta sia contesa da Alfonso Cuaron (“Gravity” e Steve McQueen (“12 years a slave”), con il primo leggermente favorito. Quasi certa la presenza in nomination di Paul Greengrass (“Captain Phillips”), gli altri due posti nella cinquina saranno occupati da due dei seguenti registi: David O. Russell (“American Hustle”), Martin Scorsese (“The Wolf of Wall Street”), Alexander Payne (“Nebraska”), i fratelli Coen (“Inside Llewyn Davis”) e Woody Allen (“Blue Jasmine”). Poche chance per Spike Jonze (“Her”) e John Lee Hancock (“Saving Mr. Banks”).

Miglior attore: Annata meravigliosa per le interpretazioni maschili. Ci sono almeno dieci attori che meriterebbero l’Oscar, e che in quasi qualunque altro anno si sarebbero trovati quantomeno in nomination. Molto probabile che siano nominati per la prima volta lo straordinario Chiwetel Ejiofer di “12 years a slave” e Matthew McConaughey (“Dallas Buyers Club”), fresco vincitore del Festival di Roma come miglior attore. Più che probabile anche la presenza di due veterani come Robert Redford (“All is lost”) e Tom Hanks (per “Captain Phillips”, ma potrebbe anche vincere l’Oscar come miglior attore non protagonista in “Saving Mr. Banks”). E come non nominare il vincitore di Cannes Bruce Dern (“Nebraska”)? Questa la cinquina più probabile, con alcuni eccellenti outsider: potrebbero rientrare nei giochi Leonardo Di Caprio (“The Wolf of Wall Street”), Joaquin Phoenix (“Her”), Oscar Isaac (“Inside Llewyn Davis”) e Daniel Bruhl (“Rush”). Per quanto riguarda la categoria dei “non protagonisti”, gli unici certi della nomination sono come già detto Tom Hanks per “Saving Mr. Banks” e Michael Fassbender per “12 years a slave”. Probabile nomination anche per Jonah Hill (“The Wolf of Wall Street”), il quale però difficilmente potrà spuntarla per quanto riguarda la statuetta.

Miglior attrice: Un po’ più semplice la scelta per quanto riguarda le attrici. Praticamente certe della nomination sono la favorita Cate Blanchett (“Blue Jasmine”), Sandra Bullock (“Gravity”), Judi Dench (“Philomena”) e la solita Meryl Streep (“August: Osage County”). Il quinto posto in nomination se lo contenderanno Emma Thompson (“Saving Mr. Banks”) e la vincitrice di Cannes Berenice Bejo (“Il passato”). Poche chance per Amy Adams (“American Hustle”) e purtroppo anche per la straordinaria Adèle Exarchopoulos (“La vita di Adele”). Per quanto riguarda la miglior attrice non protagonista sicura nomination per Lupita Nyong’o (“12 years a slave”) e Oprah Winfrey (“Lee Daniel’s The Butler”). Probabile nomination (seconda consecutiva) per Jennifer Lawrence (“American Hustle”).

Miglior film straniero: Incredibile ma vero. Il capolavoro di Kechiche, “La vita di Adele”, trionfatore a Cannes, resterà fuori dai giochi per una stupida regola (il film straniero per entrare in gara deve uscire nel proprio Paese entro la fine di settembre, Adele è uscita in Francia soltanto a ottobre). Motivo per cui la scelta per il miglior film straniero si fa molto ardua. Probabile nomination per “Il passato” (Iran) di Asghar Farhadi, “Gloria” (Cile) di Sebastian Lelio e “Il sospetto” di Thomas Vinterberg. Ottime possibilità di entrare in cinquina anche per “La grande bellezza” di Paolo Sorrentino. Ma qui le sorprese non mancheranno.

Miglior sceneggiatura originale: Qui abbiamo già quattro nomi certi, di quattro autori abituati a competere in questa categoria: “Her”, “Blue Jasmine”, “Nebraska” e “Inside Llewyn Davis”. Il quinto nome potrebbe essere quello di “Saving Mr. Banks” o forse di “American Hustle”. Ah, in tutto ciò stavamo quasi dimenticando il bellissimo “Before Midnight”.

Miglior sceneggiatura non originale: Certo della presenza in nomination “12 years a slave”, seguito subito dopo da “The Wolf of Wall Street”. Altri nomi papabili per la cinquina: “Captain Phillips”, “August: Osage County” e “Philomena”. Sarebbe bello trovare in cinquina anche “La vita di Adele” (che può competere in tutte le categorie tranne in quella come miglior film straniero).

Miglior film d’animazione: Per quanto ci riguarda, il vincitore deve essere Hayao Miyazaki per “The Wind Rises”, comunque certo della nomination. Nella cinquina probabile la presenza di “Frozen”, “Monster University”, “Cattivissimo Me 2” e forse del bellissimo “Ernest e Celestine”.

Non resta che aspettare il 16 gennaio per verificare effettivamente le nomination e ovviamente il 2 marzo per conoscere i nomi dei vincitori.