Omaggio a George A. Romero

“Io sono come i miei zombi, non resterò morto!”

“Ho sempre pensato che l’orrore reale sia intorno a noi, i mostri più spaventosi sono i nostri vicini”

“Gli zombi non mi stancano mai, sono i produttori a stancarmi”

“Sei davvero libero se lavori con un budget molto basso o molto alto”

“Quando non ci sarà più spazio all’inferno i morti cammineranno sulla Terra”

george-romero

Continua a leggere

Annunci

Festa del Cinema di Roma 2016: Giorno 9

Venerdì 21 Ottobre.
Stamattina con lo sciopero dei mezzi l’unico a funzionare è stato il treno per Busan: il film di Yeun Sang Ho, “Train to Busan” appunto, dopo aver conquistato il pubblico di Cannes si è concesso il bis anche a Roma. Applausi scroscianti, tanto divertimento, tante risate ma anche una messa in scena assolutamente dettagliata, precisa, mai troppo frenetica, mai troppo banale. La Corea del Sud è sotto allarme a causa di un virus che trasforma gli uomini in esseri rabbiosi, cannibali: zombie moderni insomma, ma di quelli che corrono veloci (se non dico eresie resi celebri da “Demoni” e più avanti da “28 giorni dopo”). Sul treno per la città di Busan, un manipolo di uomini si trova a fronteggiare la crisi, in una lotta senza quartiere tra zombi e sopravvissuti. Non amo esageratamente il genere, ma in questo caso il film aggiunge un’ulteriore conferma all’eccellenza del cinema sudcoreano. Comunque se proprio c’avete voglia di vedere un treno pieno di zombi, provate a prendere la metropolitana alle 8 del mattino.

Subito dopo, tutto un altro film, ma sempre molto bello (e molto più nelle mie corde): “The Hollars” mi ha fatto pensare subito ad Alexander Payne, o anche a Cameron Crowe. In mano loro il film di John Krasinski (qui anche protagonista) avrebbe potuto davvero avvicinarsi al capolavoro. Resta ad ogni modo una pellicola assolutamente bellissima, che ti fa uscire dalla sala con un sorriso grande così e una voglia incredibile di mettersi a correre per tutto l’Auditorium sulle note di una canzone tipo questa (presente nel film, tra l’altro). Non l’ho fatto, ma credetemi che ci ho pensato e per un attimo l’avrei anche fatto, il problema è che mi mancava la colonna sonora e soprattutto un pubblico in sala che mi guardasse su uno schermo. Cose belle e cose brutte della vita da Festival. In breve: un illustratore che vive a New York ed è in procinto di diventare padre torna nel suo paesotto di provincia perché sua madre è gravemente malata. Qui si trova a dover fare i conti con la sua strampalata famiglia, un rancoroso compagno di liceo e una sua ex ragazza che sembra non averlo dimenticato. Si fanno belle risate e si gode soprattutto di un piacevolissimo mood. Per come mi ha fatto sentire è uno di quei film che mi rivedrei volentieri: certo, è lontano da essere uno dei migliori della rassegna, ma se è di queste piccole gioie che uno ha bisogno per sentirsi un po’ più vivo, beh, che dire, ben venga il bis.

Nel pomeriggio, proprio al penultimo giorno di Festival, succede una di quelle cose che non mi sono mai capitate in 11 edizioni: essere il primo della fila accreditati per entrare in sala ad una proiezione per il pubblico. Ok, se non siete addetti ai lavori questa cosa vi suonerà un po’ incomprensibile, ma sappiate che essere il primo di una fila spesso molto lunga è una di quelle cose che se vi capitano una volta poi non le dimenticate per un po’. A darmi tanto onore è stato un film coprodotto da Spagna e Argentina e interpretato quasi interamente da argentini (ho riconosciuto l’inconfondibile accento, fatemi vantare di sta cosa, anche se la splendida protagonista è invece spagnola). Parliamo di “Al final del tunel” di Rodrigo Grande, una delle cose più geniali viste finora. Non ricordo altri film con un applauso così intenso a fine proiezione. La storia ci mette una mezzoretta a decollare, inizialmente non sembra chiaro dove voglia andare a parare e non è neanche così divertente, poi però si entra nel vivo della storia e ci si diverte tra colpi di scena impensabili e trovate geniali che facevano urlare all’intera sala lunghissimi “noooooo” di apprezzamento. Un ingegnere costretto alla sedia a rotelle affitta una parte del suo enorme appartamento ad una ragazza madre molto attraente. La sua bambina non dice una parola da ormai due anni e la situazione è un po’ bizzarra. Una notte mentre Joaquin (l’ingegnere) sta lavorando nello scantinato, scopre che una banda di ladri, dall’altra parte della parete, sta preparando una rapina in banca. Per Joaquin potrebbe essere l’occasione di trovare i soldi per operarsi e abbandonare la sedia a rotelle, ma l’affare si fa sempre più pericoloso e imprevedibile. Gli ultimi venti-trenta minuti sono una bomba, tra splendide citazioni tarantiniane, voltafaccia, colpi di scena e tante risate. Il film è passato un po’ in sordina ma è decisamente uno di quelli che andavano visti (davvero un peccato per chi l’ha perso).

Al ritorno, sempre grazie al meraviglioso sciopero che in pieno Festival non poteva proprio mancare, ho impiegato circa un’ora e mezza per tornare a casa, ma questa è un’altra storia. Domani ultimo giro di proiezioni, poi i saluti malinconici e le somme da tirare. Ultime foto, ultima levataccia, ultimo viaggio all’Auditorium, ultimi saluti. Succede sempre così ai Festival: per tanti giorni non vedi l’ora che finisca, e poi quando sta per finire vorresti che durasse un po’ di più. C’è un po’ più di malinconia stasera sui miei occhi, ma suppongo che si tratti semplicemente di un sacco di sonno arretrato. Goodnight.

final-tunel

Capitolo 203

“Luglio col bene che ti voglio vedrai non finirà”. Parliamo della pioggia, ormai grande costante di questo mese estivo, che tanto estivo poi non sembra. Monsoni romani a parte, è un mese di buon cinema, bei concerti, l’apertura delle prime arene estive (già chiuse per il maltempo) e cosette di questo tipo. Inutile perdersi in chiacchiere, tanto vale buttarci subito sui soliti commentini ai film visti ultimamente. Enjoy!

Passioni e desideri (2012): Fernando Mereilles torna al cinema. Il regista del capolavoro “City of God” si dimostra ancora una volta un autore versatile, che ama raccontare storie di vario genere. Stavolta si tratta di un film corale, dal cast internazionale, con location sparse tra Europa e Stati Uniti, e m’è piaciuto. “Lui è ricco, non ha bisogno di leggere. I libri sono per i sognatori poveri”. Meirelles sa fare cinema.

Terapia e pallottole (1999): Unica commedia in cui Robert De Niro ha un senso e riesce anche a far ridere, e neanche poco. Un classico, la coppia con Billy Crystal funziona in maniera impeccabile e il film fa quello che ogni commedia dovrebbe fare: tanto ridere. Da ripescare, perché sono sicuro che non ve lo vedete da anni.

To the wonder (2012): Malick è un essere superiore, e su questo non ci piove. Stavolta non è un capolavoro, ci può stare, ma è comunque un film molto poetico, che ispira, che non lascia indifferenti. Certamente non ha avuto l’impatto devastante di The Tree of Life, ma quelle immagini non le gira nessuno. E quella luce poi… Non sarà un capolavoro, ma me lo rivedrei adesso.

World War Z (2013): Meno brutto di quanto potessi pensare. Ha ritmo, lo sguardo contrito di Brad Pitt e in fin dei conti fa il suo dovere. E poi c’è Favino che come si muove fa rumore e attira gli infetti (sta cosa mi ha fatto troppo ridere). Certo, è pieno di buchi e di cose assurde, ma alcune trovate sono decisamente interessanti, oltre ad una scena d’apertura veramente girata bene. Per una serata poco impegnativa ci può stare tranquillamente, l’importante è essere consapevoli di cosa si sta guardando.

Stoker (2012): Park Chan Wook è un regista che amo in maniera particolare. Vibravo nell’attesa di questo suo primo film occidentale, e le aspettative erano piuttosto alte. Ripagate fino in fondo. La storia, dal vago sentore hitchcockiano, cattura sin dalla prima scena, ma se c’è una cosa che mi ha fatto veramente godere è la messa in scena. Ogni inquadratura, ogni frame, la composizione dell’immagine, la fotografia: per uno come me che lavora con le foto un film di questo tipo non può che essere una goduria per gli occhi. Bellissimo.

Salvo (2013): Premiato a Cannes, il film di Fabio Grassadonia parte con una lentezza allucinante, salvo (scusate, non ho resistito) riprendersi nella seconda parte, con una storia che tiene, che cattura, che funziona decisamente. Piaciuto, ma non mi è entrato nel cuore. A suo modo però è un film storico per me, ma non starò qui a spiegarvi il motivo…

Slevin patto criminale (2006): Sono anni che sento parlare di questo film, e grazie al passaggio televisivo sono riuscito a colmare questa piccola lacuna. Il classico gangster-movie un po’ caciarone e ironico, sullo stile di Guy Ritchie e Quentin Tarantino. Un cast pazzesco per un film decisamente piacevole, ormai un cult per la celebre “mossa Kansas City”. Perfetto per una serata estiva con pizza e amici.

Searching for Sugar Man (2012): Ci sono alcuni film che sembrano girati appositamente per essere amati da me. Questo è uno di questi! Il documentario è uno dei miei generi cinematografici preferiti, i cantautori chitarra acustica e testi di denuncia sociale mi fanno impazzire, la bella musica e storie di rinascita non mi lasciano mai indifferente. Mettete insieme tutto ciò e avrete un film stupendo, con una colonna sonora pazzesca. Enorme, imperdibile!