Recensione “The West Wing” (1999-2006)

Oggi è il 20 gennaio, giorno in cui il Presidente eletto degli Stati Uniti si insedia alla Casa Bianca. Facciamo un piccolo passo indietro però: lo scorso settembre, quando “West Wing” è approdata su Prime Video, mi son trovato davanti a decine di tweet in cui si esaltava questa vecchia serie creata dal (futuro) premio…

Capitolo 306

Il 24 dicembre, nel capitolo precedente, affermavo di non sapere ancora quale sarebbe stato il mio menu cinematografico natalizio, ma che certamente lo avreste scoperto nel capitolo successivo. Ora che il capitolo successivo è qui davanti a voi posso informarvi che negli ultimi quattro giorni ho visto la bellezza di 8 film, che è anche…

Recensione “Sound of Metal” (2019)

Quello di Darius Marder è uno dei debutti più convincenti degli ultimi anni. Il regista, già collaboratore di Derek Cianfrance (qui in vesti di produttore), ci immerge completamente nel nuovo mondo di un batterista metal che, improvvisamente, perde l’udito, rendendo assordanti i silenzi che lo circondano e così vivida la sua frustrazione da farcela sentire…

Capitolo 304

Ieri avevo appena pubblicato questo post quando sono improvvisamente rimasto agghiacciato dalla notizia della scomparsa di Kim Ki Duk. Ho tolto subito questo capitolo che state leggendo e l’ho spostato ad oggi, per lasciar spazio ad un piccolo e doveroso omaggio. Era un regista che ho amato follemente, uno di quelli che meglio rappresentava il…

Recensione “Mank” (2020)

Tanto fredda e cerebrale quanto superba e affascinante, l’ultima fatica di David Fincher pone lo sguardo su una figura piuttosto ambigua della storia del cinema, Herman J. Mankiewicz, storico sceneggiatore premio Oscar per “Quarto Potere” di Orson Welles, con cui, malvolentieri, ha dovuto dividere credits e riconoscimento. La Hollywood degli Anni 30, meticolosamente confezionata da…

Recensione “Wendy” (2020)

Sette anni dopo il suo potentissimo esordio con quella meraviglia cinematografica di “Re della Terra Selvaggia” (se non lo avete visto, recuperatelo immediatamente!), Benh Zeitlin sembra non aver ancora abbandonato quelle atmosfere tra il cupo e il fiabesco, dove la fantasia corre tra gli ostacoli e le minacciose sfide provenienti dall’età adulta. E quale migliore…

Recensione “Mai Raramente A Volte Sempre” (“Never Rarely Sometimes Always, 2020)

Terzo lungometraggio della promettente regista indipendente Eliza Hittman, che dopo un premio per la regia ottenuto al Sundance con il precedente “Beach Rats”, aggiunge un mattone importante alla sua carriera con questo terzo film, vincitore dell’Orso d’Argento alla Berlinale dello scorso febbraio. Quello della regista newyorkese è uno sguardo vivido, tremendamente reale, incentrato su due…

Capitolo 303

Novembre vola ed è arrivato il freddo. Ho ufficialmente tirato fuori la copertina e riproposto il magico trio Film-Divano-Plaid, capace di darmi quasi le stesse soddisfazioni del tridente Dzeko-Pedro-Mkhitaryan. Continuiamo dunque a mandar avanti la rubrica “Una Vita da Cinefilo”, che tanti anni or sono diede il nome a questo blog: la chiusura dei cinema…

Capitolo 302

Un capitolo fa avevamo ancora con noi Sean Connery e Gigi Proietti. Un attimo dopo e due giganti come loro (ognuno a modo suo) non ci sono più. Sean Connery per me, nonostante tutti i grandi ruoli, sarà sempre il burbero poliziotto irlandese Jim Malone de “Gli Intoccabili” (anche se Guglielmo da Baskerville o il…

Capitolo 301

Fatto 300, facciamo 301. Questo nuovo capitolo, dopo tanti mesi pieni di film del passato, di chicche in bianco e nero o di perle nascoste, si apre effettivamente con un film in linea con le scelte abituali, per poi trasformarsi inaspettatamente in una lista di film non solo del 2020, ma addirittura di film tutti…