Capitolo 301

Fatto 300, facciamo 301. Questo nuovo capitolo, dopo tanti mesi pieni di film del passato, di chicche in bianco e nero o di perle nascoste, si apre effettivamente con un film in linea con le scelte abituali, per poi trasformarsi inaspettatamente in una lista di film non solo del 2020, ma addirittura di film tutti…

Recensione “Bruce Springsteen’s Letter To You” (“2020)

Il 23 ottobre è uscito il nuovo (bellissimo!) album di Bruce Springsteen, “Letter to You”. Come già successo con il disco solista dello scorso anno, “Western Stars”, il Boss associa l’uscita dell’album a un documentario che lega la sua musica a tutto ciò che l’ha ispirata e a ciò che vuole raccontare (anche se da…

Recensione “Mi Chiamo Francesco Totti” (2020)

Ci sono così tanti aneddoti che mi legano a Francesco Totti che potrei quasi scriverci un libro: I suoi gol sono stati la punteggiatura della mia vita e, mentre ogni cosa intorno a me cambiava e si evolveva, lui era là, a farmi urlare di gioia, a farmi saltare in piedi, a farmi perdere la…

Recensione “Roubaix, Une Lumière” (2019)

Il cinema francese vanta una straordinaria tradizione con il genere poliziesco, a tal punto da dar vita ad un filone tutto suo, il cosidetto polar, che prende nome dalla crasi tra il poliziesco e il noir. Il nuovo film di Arnaud Desplechin comincia come noir – le luci della notte, il commissario solitario, la voce…

Capitolo 296

Sono rientrato in città già da due settimane, più o meno pronto per la nuova stagione, che formalmente faccio cominciare dal 1 settembre, ma che nella testa si azzera nel momento in cui ogni anno rimetto piede a Roma. Questo mese c’è davvero del bel materiale di cui parlare, tra filmoni del passato, classici intramontabili…

Recensione “Tenet” (2020)

Nalon id alozzacrepus atilos al é “teneT” osetta otnat li , otted oh emoC. omaicnimociR. kO. Ok. Ricominciamo. Come ho detto, il tanto atteso “Tenet” è la solita supercazzola di Nolan. Il primo blockbuster dell’era Covid si basa su un’idea più che allettante, sulla quale era davvero difficile reggere un film intero senza perdersi nel…

Recensione “Ema” (2019)

I colori, il ritmo, le onde, la musica, il fuoco. E ancora ritmo, ritmo, ritmo. Larrain, dopo la doppietta “Neruda” e “Jackie” torna ad occuparsi della società cilena, permettendoci di ballare non sempre in maniera chiara e sicura: è lui però che conduce le danze e se ci lasciamo trasportare il premio finale sarà enorme….

Recensione “Galveston” (2018)

C’è sempre qualcosa che affascina nel racconto di persone in fuga, che siano giovani francesi di corsa verso il mare o due innamorati che scappano dalla loro cittadina di perdenti, la mitologia dietro a questo grande tema è ricca di esempi e suggestioni. Ad alimentare un soggetto così interessante a livello cinematografico contribuisce Melanie Laurent,…

Capitolo 293

L’estate è arrivata, improvvisamente, senza preavviso, non soltanto sul calendario, ma nell’aria, nel nostro umore, nella vita di tutti i giorni. Ed è stato forse per vivere gli ultimi giorni di una primavera goduta a metà che mi sono assentato dal blog per più tempo del solito. L’equazione è semplice: una birretta in più al…

Capitolo 290

Per la prima volta dopo circa 3 mesi, non ho visto film per ben due giorni consecutivi, prova certa che questa Fase 2 mi sta confondendo. In compenso sono riuscito a farmi bloccare su twitter da Salvini e soprattutto “uscimmo a riveder le stelle”, cioè per la prima volta da febbraio mi sono fatto una…