Recensione “Blaze” (2018)

Ethan Hawke scrive e dirige un biopic tenero e amaro al tempo stesso, inzuppato di malinconia, confermandosi un autore sensibile e versatile: per questo motivo tutto ciò che tocca è oro, che siano i romanzi che ha scritto, i personaggi che ha interpretato, i film che ha diretto. Qui cambia totalmente genere e registro, raccontando la storia di Blaze Foley, cantautore country ucciso a 39 anni, grazie al quale Ben Dickey si è portato via dal Sundance il premio come miglior attore.

La storia si sviluppa su tre piani temporali: l’intervista alla radio di Townes Van Zandt (altro grandissimo del country), che racconta la sua amicizia con Blaze; un concerto dello stesso Blaze in un locale del Texas e quel che è successo nei mesi successivi e infine il rapporto del musicista con Sybil Rosen, la donna che è poi diventata sua moglie (e con la quale Ethan Hawke ha scritto la sceneggiatura, adattamento del libro di memorie “Living in the Woods in a Tree”).

I colori caldi della fotografia, il suono avvolgente della chitarra acustica, l’accento del sud bastano a calarci perfettamente nel bosco dove Blaze e Sybil si stringono tra ispirazione e tenerezza, nel bar dove la vita nasce, cambia forma e muore attraverso la musica, addirittura in radio, nell’espressività del bravissimo Charlie Sexton. Un film che odora di foglie secche e legno, che fa venire voglia di un camino, di una bevanda calda e di una chitarra acustica pronta a raccontare nuove storie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.