Recensione “La Favorita” (“The Favourite”, 2018)

Yorgos Lanthimos continua la sua ascesa nel Cinema con la C maiuscola e la sua bravura sembra non avere limiti, se non quelli che si pone lui stesso. Il regista greco stavolta si affida ad una coppia di sceneggiatori (che aggiungono molta ironia allo stile di Lanthimos, tipicamente cupo), spostando la sua attenzione all’interno della corte della Regina Anna, nel XVIII° secolo.

Continua a leggere
Annunci

Capitolo 256

Non sono mai stato un amante delle feste natalizie, però cavolo, che bello avere il tempo per vedere 8 film in 8 giorni. Altro capitolo ricchissimo di visioni (4 rewatch e 4 inediti), compreso l’ormai tradizionale film di capodanno, di cui vi parlerò più avanti. Nel ribadirvi gli auguri per il nuovo anno, vi lascio immediatamente ai commenti ai film, perché c’è tanta bella roba.

Continua a leggere

Cosa vedremo nel 2019: da Tarantino a Scorsese

Buon anno a tutti e a tutte. Il 2018 è stato archiviato per ben benino, con una Top 20 mai come quest’anno piena di esclusioni dolorose ed eccellenti, segno che si è trattato di un’annata molto intensa. Come sarà questo 2019 cinematografico? Cosa vedremo? Beh, ovviamente è l’anno che ci porterà in sala a vedere il nuovo episodio di “Star Wars” (anche se dovremo aspettare praticamente 11 mesi…), ma soprattutto tantissimi film che ancora non conosciamo e ai quali tra un anno ripenseremo con il cuore gonfio di emozioni. Andiamo a dare uno sguardo ai titoli più interessanti in uscita nel 2019: qual è il vostro film più atteso?

Continua a leggere

Tutti i finali di “Black Mirror: Bandersnatch”

Dopo aver visto e rivisto, e ancora rivisto, fino a provare tutti i percorsi, il film interattivo di Netflix, “Black Mirror: Bandersnatch”, ci troviamo di fronte ad un’ultima scelta: se definirlo “paraculo” o “geniale”. La verità è probabilmente nel mezzo: se da un lato può sembrare un divertente e a tratti ansiogeno esercizio di stile creato ad hoc per farci restare a bocca aperta, dall’altro i vari strati della storia e il fatto che il personaggio senta che c’è qualcuno che prende le decisioni al posto suo ci fa perdere all’interno di un labirinto che affascina e intriga. In questo film-gioco, che fa tanto pensare ai cari librigame che divoravamo negli anni 90 (ma ve lo ricordate quel capolavoro di “Lupo Solitario”?), siamo riusciti a contare ben undici finali più o meno differenti. Andiamo a “riviverli” insieme.

Continua a leggere

Top 20 – I migliori film del 2018

Un altro anno di grande cinema ci abbraccia e ci saluta, aprendo le porte ad una nuova stagione già ricca di appuntamenti importanti. Che bello sedersi su quella poltroncina, al buio di una sala cinematografica, trovandoci, seppur immobili, con una molotov in Missouri o in un motel in Florida, in un bel quartiere messicano o sulle spiagge francesi, pattinando sul ghiaccio o insieme ai cani, sia quelli a due passi da Roma che i randagi di un’isola giapponese. Come da tradizione, ecco la classifica dei miei film preferiti dell’anno, stilata in base alle pellicole uscite nelle sale italiane (o su Netflix) nel 2018: è sempre bene ripetere che si tratta di una classifica che riflette i gusti personali del sottoscritto e non pretende di ergersi come verità assoluta per ciò che riguarda il cinema di quest’anno solare. A conti fatti si tratta di una classifica di emozioni, piuttosto che di film. Che volete farci, da queste parti siamo fatti così. Premesso ciò, voi che titoli avreste inserito?

Continua a leggere

Capitolo 255

Ultimo capitolo dell’anno, subito dopo la due giorni natalizia. Avete fatto scorpacciata di film? Siete andati al cinema? Vi siete fatti regalare dvd o blu ray? Avete rivisto “Una Poltrona per Due” in tv? Fatemi sapere com’è andata la vostra festa del Sol Invictus (o il Natale, dipende dai punti di vista!): io, in attesa di pubblicare a breve la Top 20 del 2018, vi lascio con questa bella lista di film visti.

Continua a leggere

Recensione “Homecoming” (2018)

Se cercate una serie da vedere tutta d’un fiato, coinvolgente e al tempo stesso rapida, “Homecoming” è la risposta. Dieci episodi, ciascuno di circa trenta minuti, senza alcuna sotto-trama riempitiva, tutti ricchi di tensione e, nonostante il ritmo compassato, pieni di contenuti. La serie creata da Eli Horowitz e Micah Bloomberg potrebbe essere un buon oggetto di studio per una scuola di sceneggiatura: sin da subito viene mostrata un’indagine a proposito di qualcosa che è successo, che però sarà rivelato solo nel finale, fornendoci puntata dopo puntata qualche elemento in più per assemblare il puzzle finale.

Continua a leggere

Recensione “Springsteen on Broadway” (2018)

Qualcuno più bravo di me una volta ha scritto: “La poetica di Springsteen è lì, nell’esplorazione della distanza fra il luogo sognato e quello vissuto. Il suo coraggio è di intravedere, nell’inferno terrestre, una possibilità di luce. Ogni volta che contempla la fine, ci propone una ripartenza”. Non potrebbero esserci parole migliori per definire “Springsteen on Broadway”.

Continua a leggere