CAPITOLO 94 – UNA VITA DA CINEFILO

Vi devo salutare, ancora una volta. Forse passiamo più tempo a dirci arrivederci che a vederci, questo è vero, ma che dire: Berlino e il suo festival aspettano il sottoscritto per undici giorni di cinema, neve e birra tedesca (ma per quanto riguarda la birra non ditelo troppo in giro). Ci sarà anche Jeanne Moreau, con la sua voce “delicata”, Martin Scorsese e Leo Di Caprio (che tra l’altro incontrerò anche domani a Roma), ma soprattutto ci sarà Berlino, la città condannata per sempre a diventare e mai ad essere. Ma tornerò presto, amici miei, e ne avrò di cose da raccontare…

BACIAMI ANCORA (2010): Sono uno di quelli a cui “L’ultimo bacio” era piaciuto, non mi nascondo, e devo dire che, pur non esaltandomi di fronte a questo, pieno delle solite urla, di cose che non mi sono piaciute e altro, sono stato contento di vederlo, mi sarebbe davvero dispiaciuto perdermelo. Accorsi, una volta tanto, ne esce davvero bene, mentre Favino giganteggia come suo solito. Non c’è un personaggio con cui ci si possa rispecchiare (perlomeno io a 40 anni non penso che sarò come nessuno di loro), e questo è il punto debole del film, ma come dicevo, è stato piacevole.

L’AMANTE INGLESE (2009): Il titolo fa pensare un po’ a Truffaut, un po’ a Marguerite Duras, laddove in francese è “Partir”, ovvero “andare via”. Titolisti furbacchioni a parte, il film mi è piaciuto, racconta fin dove ci si possa spingere in nome di una passione incontrollabile, in nome di un amore senza freni. Forse il finale è un po’ forzato, ma rende bene l’idea, anzi, la rende bene e la sottolinea tre volte. Due appunti: Kristin Scott Thomas è un’attrice meravigliosa e Nîmes è una città affascinante (chissà che non ci vada nel mio prossimo viaggio?), e gli aggettivi sono interscambiabili.

TRAINSPOTTING (1996): Ogni tanto un bel classico degli anni 90 va rivisto, è una dipendenza. In realtà amici e colleghi hanno organizzato una splendida serata in un locale di Roma sul tema Trainspotting, quindi musica brit per tutta la notte e film proiettato sulle pareti. Il giorno dopo me lo sono rivisto, tanto mi sono immerso nella serata: uno dei film fondamentali degli anni 90, non c’è bisogno di dire altro.

A PROPOSITO DI SCHMIDT (2002): Avevo visto questo film solo una volta al cinema, e l’avevo apprezzato, ma con riserva. Rivedendolo ora, con il peso di sette anni di vita in più, sono finalmente riuscito a cogliere la meravigliosa poesia di cui il film è colmo: un pensionato che sente il bisogno di non sprecare un minuto della sua vita. C’è tanta amarezza, ma anche tanta bellezza, soprattutto nel finale: Alexander Payne ora può entrare nella cerchia dei miei amici immaginari (anche perché ha diretto pure “Sideways”).

BASTARDI SENZA GLORIA (2009): Ho comprato il doppio dvd del film e ho subito sentito il bisogno di rivederlo. Se non l’avete visto in lingua originale allora non avete ancora visto il film, questo ve lo posso assicurare. Uno dei film più belli, geniali e divertenti del decennio appena trascorso.

AN EDUCATION (2009): Il primo film scritto da Nick Hornby, l’uomo che inconsapevolmente ha ispirato la nascita di questa rubrica che state leggendo. Premettendo che anche una lista della spesa sarebbe degna di essere letta se scritta da Hornby, uno dei miei 5 miti personali, il film è bello davvero, e lo dico obiettivamente. Studiare è una cosa importante, ma ci sono alcune cose che i libri non ti possono insegnare, si chiamano esperienze, si chiama vita. L’importante è trovare il giusto compromesso tra le due. Ho scritto compromesso, ma non mi piace, mi sa di accordo sottobanco, la parola più giusta è equilibrio. C’è poi una scena in cui i due protagonisti sono a Parigi, guardano il tramonto seduti sul bordo dell’île de la Cité, sulla Senna, con accanto vino rosso, formaggio e baguette: va bene, è un cliché, ma m’è preso il magone.

pubblicato su Livecity

Informazioni su AlessioT

Fotografo e viaggiatore, cinefilo e blogger, romano e romanista
Questa voce è stata pubblicata in Cinema, UVDC Rubrica. Contrassegna il permalink.

Una risposta a CAPITOLO 94 – UNA VITA DA CINEFILO

  1. utente anonimo ha detto:

    Che romanticone che sei!

    ^^

    Vale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...