Capitolo 120

Prima settimana piena a Roma e un ritorno prepotente della mia vita da cinefilo: cinque settimane di quasi totale astinenza cinematografica sono state troppe anche per me, la fame di cinema mi ha assalito giorno e notte durante questi ultimi sette giorni, e l’unico modo per saziarla è stato guardare film continuamente, ossessivamente, mai sazio. Ci lascia settembre e comincia ottobre, storicamente un mese piuttosto prolifico. Quest’anno ci divertiremo amici miei.

INCEPTION (2010): Se ne parla come il film dell’anno, il vero film rivoluzionario che ha già sbattuto nel dimenticatoio anche il tanto chiacchierato “Avatar”. Probabilmente è così, Nolan si conferma come il sognatore per eccellenza, colui che riesce a fare film d’autore a grosso budget, per lui si potrebbe quasi osare l’ossimoro blockbuster d’autore. Il film è meraviglioso, impicciato, impressionante: la scena a gravità zero sarà parodiata e imitata per i secoli a venire. Sogni, sogni di sogni, sogni nei sogni: sono andato addirittura a rivederlo al cinema in lingua originale, e ammetto di essermi addormentato per circa dieci minuti: non ricordo cosa ho sognato ma è stata un’esperienza!

GORBACIOF (2010): Bellissimo, la conferma che anche in Italia si fanno bei filmoni. Le atmosfere violente e silenziose del cinema orientale affollano una Napoli come sempre piena di traffici e sotterfugi. Il buon Toni Servillo sottovaluta ancora le conseguenze dell’amore e si prepara alla fuga d’amore come Carlito Brigante, prima della beffarda citazione di “Pulp Fiction”. Bello, molto bello, in uscita il 15 ottobre.

LA SOLITUDINE DEI NUMERI PRIMI (2010): Che noia. Costanzo racconta una storia doppiamente drammatica avvalendosi di lente carrellate alla Kubrick e musiche alla Dario Argento dei tempi d’oro: il film non funziona quasi mai. Gli attori sono (volutamente?) distanti, vuoti, e il film ne risente. Debole, una gran delusione.

ONORA IL PADRE E LA MADRE (2007): Ripescato sul digitale terrestre in orario un po’ proibitivo, è un filmone di Sidney Lumet dove una rapina che all’apparenza doveva essere una passeggiata si trasforma in una tragedia famigliare che neanche Shakespeare… Bellissimo, pieno di ritmo, di disperazione, è tutto talmente tragico che lo fa sembrare a tratti ironico, come ai tempi del pomeriggio di un giorno da cani. Grande film, da recuperare.

LA PASSIONE (2010): Onestissimo film di Mazzacurati, anche se è un po’ curioso vedere un film in cui bisogna mettere in scena la passione di Cristo, due anni dopo “Tutta colpa di Giuda” di Ferrario in cui Kasia Smutniak dirigeva un gruppo di galeotti. E anche qui c’è Kasia, bella (bellissima) barista, filo conduttore di queste passioni all’italiana. Il film funziona, è divertente, c’è Corrado Guzzanti che ruba la scena e una storia che ci piace, sì, ci piace. Consigliato.

pubblicato su Livecity

Informazioni su AlessioT

Fotografo e viaggiatore, cinefilo e blogger, romano e romanista
Questa voce è stata pubblicata in Cinema, UVDC Rubrica. Contrassegna il permalink.

13 risposte a Capitolo 120

  1. Ale55andra ha detto:

    Inception grande film!!!Onora il padre e la madre da paura!Gli altri non li ho visti. Ma conto di vedere sicuramente Gorbaciof e di recuperare La passione.Comunque, bentornato!!

  2. paveloescobar ha detto:

    Anche Solaris del 72 mi è parso noioso………..:)non ho ancora visto nessuno di questi film…..almeno Inception e La passione spero di vederli……Ciao!

  3. Lessio ha detto:

    niente 2001 e niente solaris… mi sa che la fantascienza d'autore non fa per te 😉

  4. paveloescobar ha detto:

    già parlare di fantascienza è fuori luogo (2001 è un film filosofico alla fin fine)e comunque 2001 è un bel film, Solaris proprio no……però ormai qui in Italia esiste l'uguaglianza film noioso/d'autore=capolavoro…mah!Notte!

  5. Lessio ha detto:

    eheh non penso che sia così semplice: bisogna inserire il film nel contesto e periodo in cui è stato prodotto, dalla filmografia che l'ha prodotto, e i temi di cui tratta.lento sì, noioso forse, ma un film di fantascienza che affronta l'esistenzialismo filosofico non è di certo banale: la ricerca di mondi sconosciuti nello spazio quando non si riesce a conoscere se stessi. non a caso fu definito la "risposta russa a 2001". soderbergh ha girato qualche anno fa il remake con clooney, forse meno noioso ma sicuramente meno poetico, molto asciutto, piatto, giustamente dimenticato. se c'è gente che fa ancora tesi di laurea su tarkovskij e su solaris a distanza di 40 anni ci sarà un motivo…infine a decretare un capolavoro è un punto di vista prettamente tecnico, perchè questo film è girato benissimo, ha una fotografia strepitosa e scenografie che sembrano una sorta di corrispettivo fisico e spaziale delle ansie del protagonista.ma a livello soggettivo a decretare un capolavoro è la nostra sensibilità personale, cioè la parte di noi stessi che mettiamo dentro ad una pellicola, e se a te il film non ha "parlato", non significa che sei meno autorevole o competente di altri: semplicemente non è il tuo film.ad ogni modo conosco tantissimi film noiosi e d'autore che non sono capolavori 😉

  6. paveloescobar ha detto:

    si film girato benissimo bella fotografia, musiche interessanti (prima Bach e poi musiche cosmiche)……..ma la trama dov'è?in due ore e 40 non ho visto niente……e ti dirò l'ho visto due volte nell'arco di una settimana!!!!!!!E comunque Solaris non è considerato un capolavoro dalla critica…tu lo consideri un capolavoro?ciao!

  7. Lessio ha detto:

    non lo vedo da tanti anni… capolavoro? boh, non ti so dire, non amo appiccicare etichette, ma sicuramente si tratta di un grande film, secondo me! ma detto tra di noi, non è uno di quei film che mi vedrei due volte in una settimana!

  8. paveloescobar ha detto:

    Ho visto Inception………insomma un film che mi lascia perplesso………
    comunque tanti auguri di buon compleanno!
    Notte!

  9. Lessio ha detto:

    mentre cercavo altro, ho trovato casualmente questa recensione, è un punto di vista su solaris: http://antoinedoineletsescopains.blogspot.com/2010/04/solaris-atarkovskij.html 😉

    PS: grazie per gli auguri!

  10. Lessio ha detto:

    mentre cercavo altro, ho trovato casualmente questa recensione, è un punto di vista su solaris: http://antoinedoineletsescopains.blogspot.com/2010/04/solaris-atarkovskij.html 😉

    PS: grazie per gli auguri!

  11. Lessio ha detto:

    mentre cercavo altro, ho trovato casualmente questa recensione, è un punto di vista su solaris: http://antoinedoineletsescopains.blogspot.com/2010/04/solaris-atarkovskij.html 😉

    PS: grazie per gli auguri!

  12. Lessio ha detto:

    mentre cercavo altro, ho trovato casualmente questa recensione, è un punto di vista su solaris: http://antoinedoineletsescopains.blogspot.com/2010/04/solaris-atarkovskij.html 😉

    PS: grazie per gli auguri!

  13. Lessio ha detto:

    mentre cercavo altro, ho trovato casualmente questa recensione, è un punto di vista su solaris: http://antoinedoineletsescopains.blogspot.com/2010/04/solaris-atarkovskij.html 😉

    PS: grazie per gli auguri!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...