Recensione “The Housemaid” (2010)

Vedere un film coreano significa ormai rifarsi gli occhi: la cura estetica per l’inquadratura, la fotografia, i movimenti di macchina, la composizione dell’immagine, la musica. Un’attenzione quasi ossessiva per ogni dettaglio scenico, oltre ad una serie di splendidi soggetti, dal thriller al dramma, che fanno della sua cinematografia una delle più belle ed interessanti dell’ultimo decennio, e anche di più. Dopo i vari Kim Ki-Duk, Park Chan-Wook, Kim Jee-Woon e quanti altri, ecco Im Sang-Soo, che dopo aver fatto parlare di sé al Festival di Cannes nel 2005 con “The President’s Last Bang”, trova la sua consacrazione con questo remake di un caposaldo della cinematografia coreana (l’omonimo “The Housemaid” di Kim Ki-Young), con il quale arriva a far parte della selezione ufficiale di Cannes nel 2010.

La giovane domestica Euny viene assunta come aiuto-governante nella lussuosa villa di una famiglia borghese. Il capofamiglia, con moglie incinta di due gemelli, seduce la ragazza, facendone la sua amante. Sua moglie e la machiavellica suocera scoprono però che la domestica è incinta e vengono subito a sapere la verità: da quel momento la vita da sogno nella villa si trasformerà in un incubo.

Rispetto al film originale, Im Sang-Soo trasferisce il punto di vista della vicenda dalla parte di Euny, rendendola testimone innocente ma anche ponte tra i quartieri popolari del bellissimo prologo e la ricchezza borghese del resto del film, oltre che oggetto del desiderio e della pulsione sessuale del padrone di casa. Una storia torbida, dai tratti fortemente erotici (che caratterizzano da anni il cinema orientale), piena di fragilità e cattiverie, e con un finale meraviglioso, scioccante, che lo rende uno dei migliori film di questo periodo. La bellezza delle immagini culla lo spettatore, lo avvolge come una sonata al pianoforte, ed infine lo spiazza, graffiando via dagli occhi ogni splendore estetico, e lasciandogli soltanto il trauma di un finale psicologicamente potente e definitivamente vendicativo.

pubblicato su Livecity

Informazioni su AlessioT

Fotografo e viaggiatore, cinefilo e blogger, romano e romanista
Questa voce è stata pubblicata in Anteprime, Cinema, Recensioni Film. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Recensione “The Housemaid” (2010)

  1. GustaveGuMinda ha detto:

    bastava scorrere un pò più in basso 🙂 solo ora ho visto la recensione 🙂
    GGM

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...