Recensione “Blue Jasmine” (2013)

il

Woody Allen torna ancora una volta negli Stati Uniti, dopo questa sorta di “pensione” cinematografica in Europa, dove ha realizzato film memorabili (su tutti “Match Point” e “Midnight in Paris”) e film molto deludenti (“Incontrerai l’uomo dei tuoi sogni” e “To Rome with love”). La sua ultima fatica, ambientata a San Francisco, tende più a far parte del novero dei film deludenti che in quello dei memorabili. A dirla tutta sarebbe anche un buon film se soltanto non fosse un film di Woody Allen: dal regista newyorkese ci si aspetta sempre un qualcosa in più, un tocco di genialità, e quando tutto questo manca è talmente evidente da farci subito deprezzare il film. Cate Blanchett regge sulle sue spalle e sulle incredibili sfumature del suo viso tutti i 98 minuti della pellicola, e basterebbe lei a rendere la sua Jasmine un personaggio memorabile. Ma probabilmente non basta.

Jasmine, donna ricca e snob, deve fare i conti con il fallimento del suo matrimonio (suo marito Hal, uomo d’affari, finisce in prigione per truffa) e la perdita del suo patrimonio (sequestrato dal governo in quanto denaro sottratto illegalmente dal marito): decide di trasferirsi a San Francisco da sua sorella Ginger per ricominciare una nuova vita. L’appartamento di Ginger è però modesto, così come il suo stile di vita. Jasmine, imbottita di psicofarmaci, è a metà strada tra la perdita della ragione e il desiderio di rimettersi in gioco. Il corso degli eventi e una serie di incontri porteranno Jasmine ad imboccare definitivamente una delle due strade.

Il cambiamento della protagonista è il punto di forza della pellicola: il contrasto tra i flashback in cui la vediamo felice e spensierata a New York e il suo presente di donna che sembra ancora nel pieno di una lunga crisi di nervi. Il cambiamento non è soltanto il passaggio da una costa all’altra degli States, ma anche da una classe sociale all’altra, dalla nullafacenza al tentativo di lavorare. Jasmine è una parassita, si nutre di ciò che possono darle gli altri, che sia una casa, un vestito o il suo stato sociale. Allen dipinge una persona orribile, che di fronte alla perdita dei beni materiali perde anche se stessa: è nel contrasto con i personaggi che la circondano che il film sembra funzionare, ma proprio quando dovrebbe osare di più, si spegne, salvo riaccendersi su un finale perfettamente in linea con la storia, e soprattutto sulle note di una splendida “Blue Moon”. Woody Allen anche stavolta ha fatto il suo compitino, ma sinceramente non ci possiamo accontentare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.