Recensione “Juliet, Naked” (2018)

Quando si pensa a Nick Hornby la mente va automaticamente a libri come “Febbre a 90°”, “Alta Fedeltà” o “About a Boy”, tutte opere realizzate negli anni Novanta. Purtroppo quella che probabilmente è la sua migliore opera degli ultimi dieci (e forse quindici) anni non ha avuto la stessa fortuna dei romanzi già citati: sto parlando di “Tutta un’altra musica” (“Juliet, Naked” in originale), altro splendido racconto di amore e rock, che viene riproposto adesso in una pellicola di Jesse Peretz con la speranza di restituire al libro di Hornby il successo che merita.

In un tranquillo paesino di mare non lontano da Londra, Annie e Duncan vivono da anni un matrimonio piatto e noioso. Lei sogna una relazione più matura e magari un figlio, lui è troppo preso dal suo eroe musicale, Tucker Crowe, misterioso rocker sparito dalle scene da anni e sul quale i fan si divertono a escogitare teorie sempre nuove e raccontare leggende. Quando improvvisamente esce un album inedito, con sopra incisi i demo originali del disco più celebre di Crowe, la vita di Annie e Duncan troverà quella scossa che li porterà oltre le loro più assurde aspettative.

“Juliet, Naked” sembra non essere niente più che una classica commedia romantica e infatti non lo sarebbe se non avesse dalla sua una meravigliosa protagonista come Rose Byrne (magnifica) e il sempre perfetto Ethan Hawke nella parte di Tucker Crowe. Peretz è bravo nel trasporre nel film i classici adorabili perdenti tipici dei romanzi di Hornby, la cui collezione di adulti rimasti bambini si arricchisce in questo caso di due elementi, il fan e la star: l’uno troppo preso dall’idolatria per non comprendere pienamente che dietro il mito c’è una persona reale, con le sue delusioni e la sua amarezza, l’altro troppo scombinato per affrontare i suoi demoni e riprendersi la sua vita. Tra di loro c’è Annie che, come quasi tutte le donne create dalla penna di Hornby, è lì a rappresentare la maturità, il bisogno di una vita reale e non soltanto immaginata, dove la realtà ha la meglio sulle fantasie e le strambe (e talvolta superficiali) congetture dei personaggi maschili. Una buona commedia accompagnata da una bella colonna sonora: poteva ambire ad essere qualcosa di più? Sicuramente, ma vale decisamente la pena di una visione.

juliet naked locandina poster
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.