Capitolo 143

Dopo il lungo weekend pasquale di pioggia e buio era tempo di tornare alla nostra vita da cinefilo. In questo capitolo un paio di film usciti in sala, anteprime stampa e una visita fugace al Festival del Cinema Francese a Roma. Ma già ho adocchiato un po’ di film da vedere prossimamente, francamente non so quando, ad ogni modo sarete i primi a saperlo, come al solito.

NOTIZIE DEGLI SCAVI (2011): Una certa tendenza del cinema italiano è quella di mostrare film noiosi e sciapi con la pretesa che si tratti di una grande opera, magari intima e dolce. Maddechè. Se in novanta minuti la cosa migliore sono le immagini da depliant turistico della bellissima Villa Adriana a Tivoli, significa che c’è qualcosa che non va. Battiston è bravo, grande e grosso, ma reggere un film sulle spalle è faticoso, e stavolta non ce la fa neanche lui.

L’ALTRA VERITA (2011): Ken Loach, se non ci fosse bisognerebbe inventarlo. Il suo “Route Irish” non è il miglior film che ha girato negli ultimi anni, ed è proprio questo il pregio di Loach: anche quando un suo film non è bello come gli altri, è comunque pur sempre un gran bel film. Da vedere, che ve lo dico a fare.

COME ACQUA PER GLI ELEFANTI (2011): Il trailer mi ispirava, a dire la verità non so neanche io perché, sarà stata la stima che provo per due attori come Reese Whiterspoon e Christoph Waltz, ed è per questo che mi aspettavo un film quantomeno guardabile. Niente di tutto ciò, Pattinson non va oltre le due espressioni facciali, ogni scena è prevedibile, persino i dialoghi e vi suggerisco di usare la frase finale (qualcosa tipo “non sto fuggendo, sto tornando a casa”) per andare via dal cinema a metà film, sempre se ritenete necessario andarci.

UOMINI SENZA LEGGE (2010): Once upon a time in Algeria. Oh, questo sì che è un bel film. Epico, ambientato in un contesto reale come la decolonizzazione algerina e gli scontri tra l’organizzazione per l’indipendenza dell’Algeria e la Francia colonizzatrice. Tre fratelli, diversi tra loro, in una Parigi di sangue. Bello, in concorso a Cannes l’anno scorso, e già questo è segno di qualità. Una sorta di Padrino algerino, con la giusta dosa di epicità.

LE BRUIT DES GLACONS (2010): Visto a Rendez-vous, il festival del cinema francese a Roma. Il film è particolare, forse un po’ troppo surreale e finisce col sembrare un po’ troppo uno spettacolo teatrale, ma l’idea è gustosa (un cancro va a casa del malato per vivere insieme a lui). Ora, alla Casa del Cinema c’era una ragazza francese che lavorava per il Festival, biondina, con i capelli né corti né lunghi, di cui ovviamente mi sono innamorato perdutamente. All’uscita del film non c’era più, quindi trovatemela voi per favore.

pubblicato su Livecity

Annunci

Un pensiero su “Capitolo 143

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.