Recensione "The Lighthouse" (2019)

Una pellicola in 35mm, un eccellente direttore della fotografia, due attori totalmente in parte e un racconto incompiuto di Edgar Allan Poe: Robert Eggers, dopo aver esordito in maniera sbalorditiva con l’ottimo “The Witch”, (che gli valse la migliore regia al Sundance), trova la ricetta vincente per confermarsi uno degli autori più interessanti di questi ultimi anni e sicuramente uno dei cavalli su cui puntare per il prossimo decennio cinematografico.

Alla fine dell’800 due uomini giungono su un’isoletta sperduta in mezzo al mare. Sono i guardiani del faro: uno è un esperto marinaio, burbero e severo, che fa questo lavoro da una vita; l’altro è un ragazzo alle prime armi, gran lavoratore e ligio al dovere, che però avverte nell’isola un soffuso senso di minaccia, dettato forse dalla sua coscienza. I due dovranno condividere uno spazio sporco e angusto per quattro settimane, sopportandosi a vicenda.

Eggers, grazie anche alla meravigliosa fotografia di Jarin Blaschke, punta ad un racconto a tratti documentaristico, a tratti espressionista, che talvolta rimanda addirittura al cinema di Murnau, Lang o Wiene, con le lunghe ombre proiettate sulle pareti e la luce inquietante che deforma i volti dei protagonisti. Willem Dafoe e Robert Pattinson sono in stato di grazia: la potenza delle loro interpretazioni irrompe sullo schermo con la stessa furia del mare in tempesta, in un film meraviglioso che odora di salsedine, fango e pioggia, forte come un tritabudella, ipnotico come un canto marinaresco e accecante come la luce di un faro.

5 commenti Aggiungi il tuo

  1. Sam Simon ha detto:

    Non vedo l’ora di vederlo! The Witch mi piacque molto e ho grandi aspettative per questo, sono contento che tu ne parli bene!

    Piace a 1 persona

    1. AlessioT ha detto:

      Questo secondo me è anche superiore a The Witch, è totalmente ammaliante 🙂

      Piace a 1 persona

  2. Celia ha detto:

    Considerato che The Witch non m’era piaciuto per nulla, mentre questo pare essere di diverso stampo e ne ho già letto una prima recensione dettagliata ed entusiastica, ora che sono a quota due le mie vene mi dicono che mi piacerà assai. Se poi è “ammaliante”, ed in b/n…!

    Piace a 1 persona

    1. AlessioT ha detto:

      A me “The Witch” era piaciuto moltissimo da un punto di vista stilistico, ma narrativamente mi aveva convinto un po’ meno. Questo secondo me è superiore sotto ogni punto di vista. 🙂

      Piace a 1 persona

      1. Celia ha detto:

        Ottimo 😉

        "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.