Recensione “Mindhunter” (2017)

Mindhunter

Nel 1995 John Douglas, agente speciale dell’FBI, pubblica il libro autobiografico “Mindhunter” in cui descrive la sua esperienza come cacciatore di serial killer e, in particolare, come profiler. Una ventina d’anni dopo David Fincher, che raccontando storie di assassini ci ha praticamente costruito una carriera (pensate a “Seven” o “Zodiac”), realizza una serie tv basata proprio sul libro di Douglas. Ed è così che John Douglas diventa Holden Ford, un giovane agente federale che, stanco di fare il negoziatore, mette in piedi una nuova unità speciale intenta a classificare gli assassini seriali allo scopo di delineare profili psicologici, nella speranza di riuscire anche a prevedere i potenziali killer. Nasce così l’unità di Scienze Comportamentali, insieme al collega più esperto Bill Tench e alla sociologa Wendy Carr: alla base della ricerca una lunga serie di interviste ai più efferati assassini degli Stati Uniti, che porterà il gruppo in una lunga discesa nell’abisso: “Se vuoi conoscere i serial killer, devi pensare come loro”.

Se il libro, seppur interessante, a tratti dà l’impressione di essere una lunga autocelebrazione dello stesso Douglas, la serie riesce in qualche modo a convincere di più: innanzitutto è basata su personaggi fittizi, nonostante l’ottima trovata di mantenere invece reali i nomi degli assassini intervistati. In secondo luogo, piuttosto che leggere una serie di informazioni che porteranno alla cattura di questo o quel colpevole, nelle dieci puntate della prima stagione c’è un coinvolgimento maggiore per lo spettatore: non più passivo lettore di aneddoti e storie, ma un vero e proprio testimone nelle indagini e negli interrogatori. Si tratta dunque di una serie molto buona, anche se abbastanza distante dai canoni tradizionali: non c’è una vera e propria storia, quanto uno sviluppo più o meno costante di una ricerca basata su interviste e indagini. Non è per tutti, ma se il genere vi appassiona allo stesso modo degli abissi della psiche umana, allora potrebbe rivelarsi un’ottima freccia nella faretra dell’offerta Netflix.

Mindhunter

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.