Recensione “Bittersweet Life” (“Dal kom han in-saeng”, 2005)

bittersweetlife

La Corea del Sud, nel nuovo millennio, si è imposta agli occhi dei cinefili di tutto il mondo per il suo modo di interpretare il cinema: immagini bellissime, grande competenza tecnica e ottima regia, senza dimenticare le storie che racconta, molto spesso avvincenti e ben costruite. “Bittersweet Life”, di Kim Jee-woon, non fa eccezione.

Un noir interessantissimo che sfocia nel gangster-movie (il climax finale è una chiara citazione di “Scarface” di De Palma), mescolando i canoni tipici del genere con le caratteristiche tipiche del cinema coreano: immagini violente molto esplicite, umorismo a tratti grottesco e l’ennesima variazione sul tema della vendetta, ormai un argomento cult in patria, visto il grande successo ottenuto dalla trilogia di Park Chan-wook (“Old Boy”, “Lady Vendetta” e “Mr.Vendetta”, tutti consigliatissimi).

A Sunwoo, direttore di un hotel di lusso e braccio destro di un boss della mafia locale, viene affidato il compito di tenere d’occhio la donna del capo, sospettata di avere una relazione clandestina, e di ucciderla nel caso in cui l’accusa di tradimento dovesse rivelarsi fondata. Sunwoo coglie in fragrante la ragazza ma, essendone innamorato, decide di non raccontare niente al suo capo. Il boss ovviamente scoprirà tutto e cercherà di far pagare al suo sottoposto la mancanza di rispetto, alleandosi con un’altra gang locale per riuscire a rintracciarlo.

Una pellicola aperta e chiusa da due brevi perle zen, che alla fine si riveleranno i due punti chiave di questo piccolo gioiello, presentato fuori concorso al Festival di Cannes nel 2005 e ora nel catalogo Netflix. Kim Jee-woon si rivela un’altra freccia nell’arco della cinematografia coreana, la cui faretra è ricca di registi importanti che hanno ormai portato il cinema del loro Paese a livelli altissimi, riuscendo allo stesso tempo a spaziare su vari generi, dal drammatico al noir, fino all’horror. Da vedere.

bittersweet-life

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.