Recensione “Fondazione” (“Foundation”, 2021)

il

I primi due episodi di Fondazione, la nuova serie appena uscita su AppleTv (tratta dalla meravigliosa saga fantascientifica cominciata da Isaac Asimov nel 1951), cercano innanzitutto di presentare fatti, luoghi, personaggi e ambientazione di una storia già da questo incipit coinvolgente e suggestiva. Non si tratta di una fantascienza fumettistica, piena di muscoli, eroi e battaglie da videogame, ma piuttosto di un filone più meditativo e universale, che nonostante la lontananza temporale e geografica riesce a toccare temi comuni anche al nostro quotidiano, come la politica, la religione, il rapporto con la scienza e con le verità, talvolta scomode, da essa rivelate. E poi ci sono ovviamente le persone: l’uomo intorno al quale verte tutta la storia non è un invincibile uomo d’azione, ma uno scienziato, un matematico, capace di conoscere il destino dell’universo e di accendere una piccola luce nell’immensa oscurità: il suo nome è Hari Seldon.

L’universo conosciuto è governato da un impero che ne mantiene la pace e la stabilità, sotto la gelida guida di una triade di cloni della stessa persona (di età diverse), discendenti genetici del loro unico antenato. A Trantor, la Capitale della Galassia, c’è anche l’università dove lavora Hari Seldon. Il dottor Seldon ha inventato una disciplina, la psicostoria, capace di prevedere il futuro della società grazie ad alcuni calcoli pressoché infallibili, a metà strada tra matematica, sociologia e storiografia. Le sue predizioni sono però nefaste: l’Impero sta per cadere entro pochi secoli e questo fallimento sarà seguito da un periodo di oscurantismo e di barbarie lungo 30mila anni. Seldon propone di creare una Fondazione per raccogliere il sapere umano in un’Enciclopedia Galattica e ridurre l’interregno di buio a soli 1000 anni (“Non c’è bisogno di dover inventare di nuovo la ruota, l’abbiamo già inventata!”). Dopo un processo in cui Seldon e la sua nuova, geniale collaboratrice (la giovane Gaal Dornick, che ha lasciato il suo pianeta dalle usanze ortodosse e totalmente avverso alla scienza per dedicare la sua vita agli studi della psicostoria) sfiorano la pena capitale, l’Imperatore, per evitare di martirizzare gli scienziati e dribblare nuovi focolai di rivolte popolari, decide di mandare Hari Seldon e il suo seguito in esilio nell’estrema periferia della Galassia, sull’ostile pianeta Terminus, per realizzare la sua Fondazione.

I primi due episodi sono dunque un allettante prologo in cui l’imponente opera di Asimov è abbracciata con rispetto, riassunta ovviamente in tempi televisivi ma senza tralasciare le emozioni e i dettagli più vibranti. Si tratta di un inizio davvero splendido, che accarezza le aspettative dei fan dell’opera letteraria, che troveranno sicuramente più familiarità con le tante informazioni fornite in questi primi 120 minuti, ma che al tempo stesso riusciranno a cogliere l’approvazione di quella larga fetta di pubblico ancora vergine, non avvezza a nomi ed espressioni come “psicostoria”, “Trantor”, “Anacreon”, “Terminus”, “Piano Seldon” o “Salvor Hardin”. Al di là poi dell’alto valore narrativo, Fondazione riesce a splendere anche visivamente, senza apparire mai un involucro vuoto come successo recentemente ai film di Villeneuve “Dune” o “Blade Runner 2049”: la grandezza di Trantor e del palazzo imperiale rendono impietoso e scioccante il contrasto con le predizioni di Seldon, tuttavia la bellezza visiva non è mai fine a se stessa, perché sono i sentimenti umani e mai la tecnologia a predominare sul racconto (al contrario di come succede in tanta fantascienza da fumetto a cui, ahinoi, il pubblico si sta sempre più abituando).

L’opera è ambiziosa, certamente, e il rischio di specchiarsi nella sua complessità e nella pressoché infinita ricchezza di personaggi e dettagli è dietro l’angolo, ma l’universo di Fondazione e l’incredibile fascino del lavoro di Seldon e dei suoi accoliti è un universo di avventure in cui personalmente non vedo l’ora di viaggiare, già dal prossimo episodio.

3 commenti Aggiungi il tuo

  1. Austin Dove ha detto:

    wow, sembra una serie molto interessante dalle premesse!
    cmq, da come l’hai introdotta non ho potuto non pensare alle recensioni del nuovo film di dune, usano tutti la stessa introduzione: ritmo lento, lontano dalla frenesia di perle come star wars

    Piace a 1 persona

  2. Maria Taglia ha detto:

    Isaac Asimov si sta rivoltando nella tomba. L’unica cosa che riprende i libri sono i nomi e la psicostoriografia. Per il resto niente è come nel libro: nessun episodio descritto è, se non vagamente simile, e i più “significativi” (gli imperatori cloni, l’affresco, l’amore tra Gaal Dornick e Raych, che per altro sono entrambi maschi e non si incontravano mai, l’attentato, la distruzione di due pianeti per vendetta, ecc.) non sono nei libri. Il ritmo poi è lento a tratti soporifero. Difficile capire come si possa fare una recensione così se non perché i libri non si sono mai letti.
    La fine di Seldon poi grida vendetta al cospetto di Asimov 🙂

    "Mi piace"

    1. AlessioT ha detto:

      Ma certo che ho letto i libri e li ho anche molto amati. Non mi pare di aver scritto che è fedele ai libri, quindi non capisco cosa mi contesti, forse l’avere un’opinione diversa dalla tua? Potevi esprimere il tuo giudizio senza offendere, si può anche dire di non essere d’accordo.Sono due opere differenti, i tempi televisivi impongono ovviamente delle variazioni, a te non sono piaciute, ne prendo atto e lo rispetto. A me sta piacendo molto “nonostante” abbia letto i libri, non ho gradito che tu lo abbia messo in discussione, ma dovresti comunque rispettare un’altra opinione. Stavi andando bene, ma quelle righe finali mi hanno davvero infastidito. Se vuoi continuare a parlarne la porta è aperta, altrimenti per le discussioni poco costruttive ci sono sempre i social…

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.