Omaggio a Bruno Ganz

“Sì, è magnifico vivere di solo spirito e giorno dopo giorno testimoniare alla gente, per l’eternità, soltanto ciò che è spirituale. Ma a volte la mia eterna esistenza spirituale mi pesa, e allora non vorrei più fluttuare così in eterno, vorrei sentire un peso dentro di me, che mi levi quest’infinitezza, legandomi in qualche modo alla terra. A ogni passo, a ogni colpo di vento, vorrei poter dire: “ora”, “ora” e “ora”. E non più: “da sempre”, “in eterno”. Per esempio, non so: sedersi al tavolo da gioco ed essere salutato, anche solo con un cenno. Ogni volta che noi abbiamo fatto qualcosa, era solo per finta”

Continua a leggere

Il meglio del Sundance Film Festival 2019

La settimana scorsa si è conclusa l’ultima edizione del Sundance, festival di cinema indipendente creato da Robert Redford, ormai diventato un punto di riferimento fondamentale per i cinefili di tutto il mondo: pensate soltanto che a questo festival, negli anni, sono state presentate pellicole come “Le Iene”, “The Blair Witch Project”, “Little Miss Sunshine”, “Donnie Darko”, “Clerks”, “Moon”, “500 Giorni Insieme”, “Whiplash”, “Boyhood”, “Manchester by the sea”, “Prossima Fermata: Fruitvale Station” o la sorpresa degli Oscar 2018 “Scappa – Get Out”, solo per fare alcuni nomi. L’edizione 2019 è stata vinta da “Clemency”, un dramma ambientato nel braccio della morte, firmato dalla regista Chinonye Chukwu.

Continua a leggere

Capitolo 258

Oggi vi sto scrivendo da un pullman che mi sta riportando a Roma dopo alcuni giorni di lavoro nelle Marche. Il gioco della settimana è stato quello di trovare scorci in pieno stile Twin Peaks tra i monti marchigiani e devo dire di essermi immedesimato piuttosto bene, tra ceppi di legno, alberi a perdita d’occhio e paesini in cui tutti si conoscono. Ma parliamo di film, in attesa di recuperare le ultime due pellicole candidate agli Oscar, ci sono state diverse visioni piuttosto interessanti.

Continua a leggere

Recensione “La Casa di Jack” (“The House That Jack Built”, 2018)

Il cinema di Lars Von Trier, specialmente nell’ultimo decennio, oscilla costantemente tra la genialità e la follia, in una competizione senza vincitori né vinti. Il nuovo film del regista danese, grazie al quale è stato nuovamente ammesso al Festival di Cannes dopo le infelici dichiarazioni a proposito di Hitler nel 2011, è un viaggio infernale nella mente di un serial killer: ingegnere nel cervello, architetto nel cuore, psicopatico nell’anima.

Continua a leggere

Recensione “La Fantastica Signora Maisel” (“The Marvelous Mrs. Maisel”, Stagione 1-2)

mrsmaisel

Un bel giorno mi arriva un messaggio da una delle mie fonti più attendibili: “Guardati la Signora Maisel su Prime, te ne innamorerai”. Una premessa del genere meritava curiosità e attenzione, e così, senza sapere neanche di cosa parlasse, ho cominciato a vederla. Pochi giorni fa ho finito la seconda stagione e ora provo quel tipico senso di abbandono che ti assale quando finisci una serie che hai amato: fortunatamente la terza stagione è già in cantiere, anche perché dopo i vari premi ricevuti sarebbe impossibile non mandarla avanti (su tutti i Golden Globe come migliore serie tv commedia e i due consecutivi alla strepitosa protagonista Rachel Brosnahan).

Continua a leggere

“Once Upon a Time in Hollywood”: le prime immagini del nuovo film di Tarantino

Il 26 luglio uscirà nelle sale americane il nuovo film di Quentin Tarantino, “Once upon a time in Hollywood” (“C’era una volta a Hollywood” nella versione italiana, che da noi uscirà presumibilmente dopo l’estate). Il titolo richiama immediatamente al cinema di Sergio Leone, per Tarantino una fonte d’ispirazione più volte dichiarata. Nel cast straordinario troviamo Leonardo Di Caprio, Brad Pitt, Margot Robbie, Al Pacino, Tim Roth, Kurt Russell, Bruce Dern, Emile Hirsch, Dakota Fanning, Luke Perry, il fedelissimo Michael Madsen e molti altri. Su Vanity Fair sono uscite in esclusiva alcune immagini ufficiali del film che rendono il fotografo di scena di Tarantino uno dei lavori più invidiabili dell’universo (ho sbagliato tutto nella vita!). Qui di seguito trovate tutte le immagini, buon fomento!

Continua a leggere

Recensione “Il Mio Capolavoro” (“Mi Obra Maestra”, 2018)

Seguo l’accoppiata Duprat/Cohn da ormai moltissimi anni e non mi perdo mai un loro film per il semplice motivo che realizzano solo pellicole bellissime e spesso molto divertenti (vi consiglio vivamente di recuperare “L’Artista”, “El Hombre de al lado” o il premiatissimo “Il cittadino illustre”). La coppia argentina questa volta si divide i compiti: Mariano Cohn produce e Gaston Duprat dirige, ma il risultato non cambia.

Continua a leggere

Il punto sulle Nomination Oscar 2019

Sono state annunciate da poco le candidature per gli Oscar del prossimo 24 febbraio. A dominare la scena sono stati due grandissimi film, “Roma” e “La favorita”, con 10 nomination a testa. Andiamo a vedere come sono state queste candidature, quali sono state le sorprese e chi i grandi delusi. In fondo inoltre trovate la lista con tutte le nomination.

Continua a leggere